Emergenza coronavirus, l’operatività di Ue.Coop nelle zone a rischio

Per fronteggiare l’emergenza coronavirus, ieri il Ministero dello Sviluppo Economico ha comunicato alle Centrali cooperative l'esigenza di adottare le opportune cautele per evitare l’espandersi dell’epidemia, tra cui il divieto di allontanamento e di accesso al Comune o all'area interessata dal contagio. Per questo sono stati differiti di almeno 30 giorni eventuali incontri programmati con le cooperative che insistono nelle zone oggetto di ordinanze di quarantena. I nostri Coordinatori Regionali sono comunque al lavoro e possono essere raggiunti telefonicamente ai consueti contatti sia per l’attività ordinaria che per informazioni ed eventuali chiarimenti.

Allo stesso tempo, il nostro Ufficio Nazionale Revisioni ha già provveduto ad inviare comunicazione a tutti i Revisori affinché si attengano a quanto previsto ovvero:
- controllare sui siti istituzionali delle Regioni e dei Comuni dove sono ubicate le sedi legali delle cooperative la presenza di ordinanze di contenimento dell'emergenza coronavirus;
- nei casi in cui già siano stati fissati appuntamenti, di astenersi dal recarsi nei luoghi interessati, avendo cura di avvisare in tal senso i responsabili legali o i cooperatori delle cooperative già contattate, anche a mezzo pec;
- di disdire eventuali appuntamenti per ricevere presso i propri uffici o in altri luoghi concordati i responsabili legali e i cooperatori provenienti da tali zone.

0


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi